Mail candidata da ateneo, due condanne

Un anno di reclusione per l'ex rettore di Catania, Antonino Recca, 8 mesi per un dipendente dell'ateneo, Nino Di Maria, pene sospese, e l'assoluzione del responsabile della struttura informatica, Enrico Commise. E' la sentenza del Tribunale etneo del processo sull'invio di una mail elettorale a sostegno di una candidata nel 2012 dell'Udc all'Ars, che si è poi ritirata, utilizzando una lista di posta elettronica e il server dell'università. I giudici hanno assolto Recca e Di Maria dall'accusa di induzione a rendere dichiarazioni mendaci e configurato soltanto il reato di uso di dati segreti a fini non patrimoniali. L'ex rettore è stato condannato anche a un risarcimento di 20 mila euro nei confronti dell'università, che si era costituita parte civile e ne aveva chiesto 100mila. Le posizioni della candidata, Maria Elena Grassi, moglie di Di Maria, e di suo figlio Daniele Di Maria sono state stralciate dall'inchiesta della Procura e archiviate. Gli avvocati difensori hanno annunciato ricorso in appello.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Sport Jonico
  2. Catania Today
  3. 95047.it
  4. La Sicilia.it
  5. La Sicilia.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Trecastagni

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...

    */