Corruzione: patteggia ex sindaco etneo

Tre anni di reclusione ciascuno: è la pena concordata davanti alla Corte d'appello di Catania tra la Procura generale e le difese dell'ex sindaco di Aci Catena, Ascenzio Maesano e dell'ex consigliere comunale ed ex presidente della commissione Finanza, Orazio Barbagallo, a processo per corruzione. In primo grado sono stati condannati a quattro anni di reclusione e al risarcimento del danno al Comune di Aci Catena. Per quest'ultima parte la difesa non ha rinunciato all'impugnazione. I legali di Maesano, gli avv. Enzo Mellia e Giuseppe Marletta, e di Barbagallo, Orazio Consolo e Giuseppe Di Mauro, hanno reso noto di "volere esplorare la possibilità di una transazione". La Corte d'appello deciderà il 21 giugno. Maesano e Barbagallo furono fermati, con l'imprenditore Giovanni Cerami, della Galley Consulting - a processo col rito ordinario - il 10 ottobre 2016 dalla Dia di Catania per un presunto pagamento di tangenti per l'appalto l'assistenza e la manutenzione dei sistemi software e hardware del Comune

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Trecastagni

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...